COSA DICEVA GRILLO SUL COMPUTER.

WWW.NAMIR.IT

Condividi su Facebook

Mentre gironzolo in casa spulcio l'archivio di articoli che generazioni prima di me hanno ben curato... all'interno di questi articoli mi viene fuori BEPPE GRILLO uno spettacolo del comico tutto trascritto dall'Espresso – siamo nel 1996.

NEL 1996 BEPPONE nei suoi spettacoli sulla MAFIA diceva sempre le stesse cose, anzi recentemente in SICILIA si e' tenuto – trascrivo -

Lo sappiamo benissimo chi lo ha fatto il buco dell'ozono... se c'e'. ( diffida sull'esistenza ) sono quattro industrie : la HOECHST chimica tedesca – la ICI inglese. La MONTEDISON italiana e la DUPONT americana. Quattro aziende private, quelle li' sono mica statali ! Vai la' e dici – c'e' mica il direttore ? Non c'e' il direttore non c'e' una faccia a cui chiedere il conto. Dio mio e poi parliamo della mafia. La mafia stata rovinata dalle finanziarie, la mafia aveva una immagine decorosa. Il mafioso aveva un nome e cognome TOTUNNU U'LICANTRUPO … se sbagliava o uccideva qualche donna o un bambino manteneva tutta la famiglia. La mafia non uccideva i bambini. Se oggi mette le bombe nei musei cambiata.

La mafia ha sempre ucciso donne e bambini anche prima di mettere le bombe nei musei, nella strage della portella... hanno sparato a caso sui manifestanti uccidendo chiunque... poi ci sono i figli dei pentiti squagliati nell'acido e una marea di donne...mogli di...uccise per ritorsione. Tutte queste carinerie della mafia di cui parla Grillo ogni tanto non so dove bisogna andarle a cercare forse nelle campagne elettorali. Comunque eravamo nel 1996, come si possono dire queste frasi quando FALCONE E BORSELLINO erano stati fatti saltare in aria quattro anni prima ed erano ancora fresche le immagini e i ricordi di quei momenti drammatici ?

SULLA MAFIA GRILLO E' STATO SEMPRE UGUALE... MA SUI COMPUTER E' CAMBIATO E CAMBIATO DI TANTO DI MOLTO.

IL SUO PRIMO SITO INTERNET lo gestiva, nel 1996 una casa editrice MPNET la quale pubblicava anche riviste specializzate – SUONO e MICRO PERSONAL COMPUTER -.

BEPPONE GRIDAVA :

la tecnologia dovrebbe risolvere i problemi ma questa tecnologia no non lo fa. Ho questi due fili in mano : qua dentro ci passa la radio, televisione, computer. Il computer era bellissimo bellissimo. L'ha inventato il personal computer, uno dei piu' strani personaggi, un bostoniano... anzi due : STEPHEN WOZNIAK e STEVE JOBS. Due studenti senza brufoli che avevano rapporti settimanalmente con ragazze. Staordinari ! E han detto – perche' non facciamo un computer semplice ? Il personal computer, da far usare a tutti, semplice, da 150 mila lire ( c'erano le lire ) con tre tasti che puoi comunicare con il mondo ? - con un tasto fai la spesa, magari ci sono donne che soffrono di trombosi alle gambe, di flebiti, ed ecco driin driin … semplice che costi poco. Eccoli qua i fondatori della Apple. Ecco come diventato il computer che pensavano loro – mostrando un computer portatile di allora - . Per aprirlo ho fatto un corso di tre settimane perche' lo aprivo alla rovescia. Costa sette milioni e mezzo. Sistema DOS – WINDOWS – MCINTOSH. Come l'ho comprato che uscivo dal negozio arrivava il modello nuovo da otto milioni e due. E io ce lo avevo gia' vecchio. E allora la piu' grande invenzione del mondo dopo il telefono che fine ha fatto ? Se metti due computer vicini costruiti ad una settimana l'uno dall'altro, comunicano alla velocita' della luce : ma uno in aramaico e l'altro in sardo antico. Non ci capiamo piu' lo capite ?

Il computer dovrebbe essere un modo di parlare velocemente con un'altra persona, di metterti in contatto con il mondo. E' rischioso si stanno intricando delle forze occulte, via internet, nei nodi, sempre gli stessi. C'e' di nuovo la legge Mammi' per strada. Se non stiamo attenti diventera' un casino pazzesco. C'e' gente che prende il computer e si chiude in camera... vieni a mangiare con noi ? … no no devo comunicare con il Massachusetts. Poi li vedi, dove vai ? C'ha il virus lo porto in clinica, lo faccio ricoverare.

E poi continuava:

la tecnologia che dovrebbe migliorarci la vita ce la sta peggiorando. Che facciamo ? Rimaniamo inerti ? Ci arriva la tecnologia e la subiamo cosi' ? Gia' abbiamo dei problemi con il televisore, videotron, trinotron, trontron... con il telecomando, tu schiacci per cambiare canale e ti si apre il cancello elettrico. E non vedi l'ora... e ti sogni quei televisori con due monopoloni – ACC – SPENT – il ritorno al passato.

Per il resto BEPPONE rimasto coerente, comunicava anche nel 1996 contro l'inquinamento e le multinazionali, puntando tutto sull'energia pulita.

CASALEGGIO appare dopo e solo dopo lo convince che attraverso la rete si puo' cambiare il mondo. Ma in Italia purtroppo non cosi. Se Beppone non passa dieci volte a sera con le sue sparate in tv... il sito crolla e anche i sondaggi del suo movimento crollano. Stessa cosa se non si gira l'Italia facendo campagna elettorale in tutte le piazze.

La percentuale che si fa un'opinione attraverso la scatoletta nera tv gestita dal potere della sottocultura tantissima e sara' sempre questa scatoletta a decidere i cambiamenti o le affermazioni politiche italiane, perche' il popolo rimasto come quando Grillo affermava che bisognava evitare la tecnologia e ci vorra' ancora tempo per poterlo recuperare. Soprattutto se si arriva al computer con la mentalita' che si determina dalla comunicazione spazzatura, sara' spazzatura quella che cercheranno al computer, in internet. In Italia la ricerca, le nuove tecnologie, la scuola pubblica, tutto stato spazzato via per lasciar posto all'ignoranza la quale piu' facile da gestire.

Se calcoliamo che youporn ha fatto oltre sette miliardi di visite e che le due prime citta' al mondo che lo seguono sono MILANO e ROMA... bisogna attendere secoli per le nuove generazioni.

Anche in merito alle elezioni on line, volute da Grillo per inviare i suoi candidati in parlamento, possiamo dire che non sono state all'altezza di quanto lo stesso Beppone prevedeva. Solo 32 mila votanti on line, un fiasco, ci sono candidati che andranno in parlamento avendo ottenuto 42 voti di media per uno... come direbbe lui... cosa rappresentano un condominio ? Anzi no, neanche il condominio li ha votati.

b.k.